“Qui chi non terrorizza…si ammala di terrore”…

Comunicato del Laurentino Occupato sul RiseUp Day di Roma

Si scatena la gogna mediatica. E non ci stupisce.

Il perbenismo pacificatore si dissocia, punta il dito e si rende complice dell’ennesima persecuzione degli apparati polizieschi e giudiziari. Non ci piace.

Quelle che in molti continuano a chiamare come le mele marce della manifestazione del 15 ottobre, ai nostri occhi appaiono come i frutti di una rabbia diffusa, di un malcontento sociale che si estende. E’ questione di punti di vista.

C’è chi continua a parlare del futuro dei più giovani, di generazioni destinate a non poterlo costruire, perché private dei “diritti fondamentali” come il lavoro. Per noi sfruttamento e oppressione, attraverso il lavoro salariato, sono sempre state le condizioni costanti del dominio: le combattiamo qui e ora, senza aspettare.

Siamo “un po’ stufi” di sentire solamente la lagna dell’indignazione, della crisi globale fatta pagare sulle popolazioni di tutto il mondo, delle condizioni di vita precarie, delle responsabilità delle banche e dei mercati finanziari, senza fare qualcosa che metta in discussione la totalità di questo sistema.

Perché in fondo, da una parte all’altra che si trovi, è una questione di paura.

E il 15 Ottobre, di paura, ne ha fatta: ha fatto paura alla classe politica, perché una folla di persone si è riversata nelle strade per dire che sono le banche, gli istituti finanziari e gli imprenditori i veri artefici di questa crisi fatta pesare sulle popolazioni del mondo, perché c’è stata un’esplosione incontrollabile di rabbia, controversa ed istintiva, impaziente, a volte incosciente, come è tipico dell’irruenza di chi porta dentro qualcosa che brucia; ha fatto paura a chi, anche dentro quella manifestazione, ha provato a cavalcare l’onda per il proprio tornaconto, agognando una comoda poltrona in qualche stanza del potere o perché mossa da un freddo calcolo di interesse politico; ai padroni probabilmente ha messo qualche pulce nell’orecchio, che, ci auguriamo, cominci il prima possibile a far sanguinare.

Se infatti le strade si agitano e diventano terreno di ribellione, quando una valle insorge, resiste da 20 anni e attraverso la lotta diffonde l’idea di un reale cambiamento, a tal punto che in molti parti d’Italia le popolazioni cominciano a opporsi alle nocività del capitale, quando i lavoratori cominciano ad incrociare le braccia, a rompere le catene del loro sfruttamento e a occupare le strade e le stazioni, quando i migranti rinchiusi dentro un Cie evadono, quando le persone si organizzano e dal basso cominciano a riprendersi le proprie libertà e ciò di cui hanno bisogno…allora si, che la paura cambia di campo.

Se televisioni e giornali sguinzagliano i loro sciacalli e non parlano d’altro che di violenti e teppisti, se il black-bloc è il demone da creare per dar seguito all’inquisizione, se in un coro bipartisan si rispolvera una Legge Reale per attuare nuove misure repressive, se Maroni e i suoi alleati di governo invocano garanzie patrimoniali per l’autorizzazione di cortei e invitano all’allerta in Val di Susa (quanto scotta l’idea di quanti siano i solidali dal nord al sud dell’Italia al fianco dei valligiani!), è perché sanno che per loro può tirare una brutta aria, da arginare il prima possibile con una buona dose di menzogne e altrettanta di terrore. A tutti coloro che portano nel cuore un mondo libero da oppressione e sfruttamento, sta il coraggio di continuare a soffiare più forte.

La vera violenza è quella di coloro che ogni giorno vorrebbero schiacciare nell’indifferenza, nella solitudine e nella rassegnazione le nostre vite; chi ha compiuto brutalità nei riguardi dei manifestanti il 15 ottobre sono le stesse guardie al servizio dei potenti e a tutela dei loro interessi: in tutto questo chi invita o si rende promotore di gesti delatori e collaborazionisti come quello di andare a portare materiale video e fotografico alle forze dell’ordine, per agevolare la repressione di chi si è ribellato, chi prende le distanze e si dissocia, non sta capendo niente e deve essere il primo a darsi una rinfrescata alle idee. Al contrario di chi rema nella direzione dell’inquisizione, pensiamo sia indispensabile non lasciare soli i ragazzi e le ragazze che sono state arrestati durante la manifestazione, far sentire loro la nostra vicinanza e la nostra solidarietà.

Il 15 ottobre è stata UNA giornata, animata e vissuta da una marea di individui e realtà anche molto diversi tra loro. Ormai conclusa e da lasciarsi alle spalle, non per il carico di menzogne che si stanno montando o di “veleni” che si sta portando dietro, ma perché è necessario guardare avanti, pensare a tutti gli altri giorni che verranno. I quartieri, le strade, i luoghi di frequentazione quotidiana; i bisogni, le tensioni e le libertà da conquistare: se “una folla di uomini e donne che fuggono, è una folla di uomini e donne soli”, nelle relazioni umane e nell’autorganizzazione, orizzontale e senza leader, è necessario trovare quella complicità sociale, che ci faccia correre, il prima possibile, tutti e tutte insieme, dall’altra parte.

Per i compagni e le compagne che si sono dovuti svegliare presto lunedì 17, a causa di qualche “maleducato” che non rispetta il riposo altrui, per i ragazzi e le ragazze rinchiusi ancora dentro i carceri di Regina Coeli e Rebibbia, per chi è stato ferito durante il corteo, per tutti gli spazi occupati, collettivi, situazioni e tutte le individualità, che in questi giorni sono stati oggetto di una becera caccia alle streghe su giornali e tv: un abbraccio grande e tutta la nostra solidarietà, non siamo soli/e.

L38 Squat
… che nonostante tutto, in questo momento gode di buona salute…

p.s. per i giornalisti servi e sciacalli: come al solito dite ‘na marea de cazzate, merde.

Posted: ottobre 20th, 2011
at 10:59 by ironriot

Tagged with , , , , ,


Categories: azione diretta

Comments: No comments