Bergamasco picchiato da extracomunitari Forza Nuova: una taglia sugli aggressori

Il giovane era salito sul pullman insieme con altri due amici, quando all’improvviso è stato preso a pugni da tre maghrebini che lo hanno accusato di aver occupato il posto a loro riservato

Una taglia sugli aggressori del ragazzino di 17 anni che una settimana fa è stato malmenato su un autobus di linea a Bergamo per non aver ceduto il posto a un cittadino extracomunitario. L’iniziativa è della sezione locale di Forza Nuova, che un paio di giorni fa ha promesso, tramite il suo blog, una ricompensa, senza precisare la cifra, a chi fornirà alle forze dell’ordine informazioni utili al riconoscimento dei responsabili del pestaggio.

L’episodio incriminato risale a sabato 11 luglio. Il giovane, come ha denunciato il padre ai carabinieri, è salito sul pullman insieme con altri due amici, quando all’improvviso sarebbe stato preso a pugni da tre maghrebini che lo hanno accusato di aver occupato il posto a loro riservato in fondo all’autobus. Gli aggressori sarebbero poi scesi dal pullman facendo perdere le loro tracce. Il movimento di estrema destra, nel suo comunicato, parla di nuovo caso “Rosa Parks”, richiamando la storia dell’attivista afroamericana che nel 1955 rifiutò di cedere il posto a un uomo bianco su un pullman, e ricorda altri episodi accaduti in città nelle ultime settimane: quello di una donna segregata in casa da un pakistano che pretendeva di farsi sposare per ottenere il permesso di soggiorno e quello di un altro minorenne aggredito da quattro sconosciuti in via Sant’Orsola.

“Dopo aver nuovamente preso in esame i dati relativi all’incremento di denunce per furti, aggressioni e stupri, e dopo il fine settimana di fuoco che ha visto i bergamaschi, una volta di più, nel ruolo di vittime di sconsiderate politiche migratorie, Forza Nuova chiede alla giunta di centrodestra un impegno immediato ed efficace nella risoluzione del problema della sicurezza nel cuore pulsante della città “, ha detto il responsabile cittadino Luca Manzoni. “Non è un caso – ha proseguito Manzoni – che due dei quattro episodi di violenza riguardino il centro di Bergamo. I cittadini sono esasperati da una situazione che vede il centro vitale della città sempre più simile ad una terra di nessuno”.

L’amministrazione comunale (Pdl e Lega) è contraria all’istituzione delle taglie: “Dobbiamo contrastare questi episodi prima che avvengano e non dopo – ha dichiarato l’assessore alla Sicurezza, Cristian Invernizzi – pensando magari all’incremento della videosorveglianza. Non credo che il problema si possa risolvere con le taglie”. Per l’assessore l’iniziativa di Forza Nuova, però, “può servire a mantenere desta l’attenzione sul fenomeno, perché  episodi come quello dell’11 luglio si ripetono purtroppo con una frequenza allarmante sui mezzi pubblici della città”.

Fonte: La Repubblica Milano, 19 luglio 2009

Posted: luglio 19th, 2009
at 8:33 by ironriot

Tagged with , ,


Categories: Antifascismo

Comments: No comments