Due Agosto: lo Stato depista ancora…

Considerazioni in vista 29° anniversario della strage

Oggi pare aprirsi una nuova epoca del revisionismo storico di regime. Un tempo si prendeva un dettaglio secondario e lo si ingrandiva e gonfiava fino a fargli occupare tutta la scena. In anni recenti si sta passando invece a una fase immaginifica fondata sulla moltiplicazione visionaria, sulla dietrologia onirica e sull’equiparazione conciliatrice di assassini e vittime. Così, l’anarchico Giuseppe Pinelli, ucciso all’interno della Questura di Milano tre giorni dopo la strage di piazza Fontana, è diventato quest’anno “la diciassettesima vittima della strage”. Oplà!

Anzi, nel macchinoso volume Il segreto di Piazza Fontana, Paolo Cucchiarelli ha sostenuto che per la strage di piazza Fontana erano necessarie due bombe: una anarchica e una fascista, poste nello stesso luogo, una sopra l’altra. Basta sovrapporre la realtà accertata (la bomba fascista collocata da Ordine Nuovo) e l’irrealtà fantasiosa (l’immaginaria bomba anarchica) per rendere pienamente manipolabile – o quantomeno sempre più evanescente – la verità storica. Né va dimenticato che la mirabile casa editrice del libro, Ponte alle Grazie, già si era distinta per i falsi scoop su Togliatti allegro sterminatore di alpini italiani in Russia…

È una tecnica manipolatoria che da qualche anno si esercita con grande fervore anche sulla strage del 2 agosto 1980. Prima è stata la volta della famigerata, fumosissima “pista palestinese”: o un’azione di rappresaglia per l’arresto in Italia di tal Abu Saleh, oppure un incidente durante il trasporto di una grossa quantità di esplosivo.
Peccato che le due ipotesi siano solo bugie con le gambe cortissime: Abu Saleh non fu rilasciato il 14 agosto 1980, ma due anni dopo; e l’esplosivo T4 – un esplosivo militare – non può esplodere senza innesco e nessuno lo trasporterebbe innescato se non per farlo esplodere.

Così, in mancanza di meglio, quest’anno è tornato di moda Carlos “lo sciacallo”. Si sa: un epiteto ben scelto può fare miracoli. Basti pensare a “faccia da pugile” che è stato riconosciuto come lo stupratore della Garbatella, ma non lo era. E “lo sciacallo” viene esibito nei giornali come “il più feroce terrorista di tutti i tempi” o “il più famoso e sanguinario terrorista del mondo” a fronte dei poveri “innocenti” Mambro e Fioravanti, quando invece le vittime del primo sono qualche decina e quelle della coppia neofascista sono nell’ordine delle centinaia (la loro è una lunga carriera da assassini e stragisti già
prima del 2 agosto 1980).

Secondo Carlos – nemico degli Stati Uniti e di Israele nonché bugiardo incorreggibile – la strage di Bologna sarebbe stata fatta dai servizi segreti statunitensi e israeliani per addossarla ai palestinesi e rompere quei margini di tolleranza di cui godevano in Italia. Un piano così abile ed efficace che in quegli anni nessuno pensò di addossare la strage ai palestinesi… Comunque sia, si tratterebbe di una smentita della “pista palestinese”, fermamente sostenuta da Cossiga, Alemanno, Enzo Raisi & C. Quest’anno, per il consueto depistaggio agostano, i postfascisti al governo si dovranno accontentare di una generica “pista internazionale”. Così adesso c’è un gran fervore di magistrati intorno a queste presunte “rivelazioni” e alle carte provenienti da Germania Est, Ungheria, Grecia, ex Cecoslovacchia…

Come in un romanzo di quart’ordine, pare insomma che il 2 agosto 1980 la stazione di Bologna brulicasse di spie, terroristi, trafficanti d’armi e tipacci d’ogni risma.

Anzitutto c’era Thomas Kram che dormì nella notte fra l’1 e il 2 agosto all’Hotel Centrale di Bologna, si registrò con il proprio nome e cognome, ed era un personaggio conosciuto e controllato dalla polizia italiana. Pare fosse esperto nella  falsificazione di documenti e non di esplosivi (come scrivono caparbiamente i giornali ogni anno). E apparteneva a certe “Cellule rivoluzionarie” e non al gruppo del sopracitato Carlos. Ma non andiamo troppo per il sottile.

Poi pare ci fosse un’altra terrorista, tal Christa-Margot Frohlich che “sarebbe stata vista”, forse, all’Hotel Jolly di Bologna l’1 agosto 1980. Ovviamente la preziosa testimonianza vien fuori adesso: il tempo è galantuomo.

Poi c’erano palestinesi, agenti della CIA e del Mossad, “sciacalli” vari. Basta moltiplicare gli enti senza il minimo indizio e senza alcuna logica, e la storia diventa un balletto dove tutto è possibile: è il revisionismo della moltiplicazione immaginifica. Di fatto, qualsiasi cosa va bene, anche la più incredibile, pur di far dimenticare che i mandanti stavano verosimilmente ai piani alti dello Stato. Che la “strategia della tensione” fu pianificata da apparati istituzionali contro le lotte operaie e studentesche. Che le bombe nelle piazze le mettono i fascisti, ma le pagano i padroni.

Dimenticare la storia vuol dire subirla di nuovo. Non c’è memoria senza la ricerca di un mondo più giusto!

Giorgio

Fonte: ZIC, 29 luglio 2009

Posted: luglio 29th, 2009
at 10:29 by ironriot

Tagged with , , ,


Categories: Antifascismo

Comments: No comments