Diritto all’abitare: dalla mappa della crisi alla mappa delle resistenze

Tassello dopo tassello, prende forma il mosaico delle nuove politiche abitative nazionali. Le Regioni, una dopo l’altra, stanno approvando i piani necessari a disciplinare ampliamenti, demolizioni e ricostruzioni, così come enunciato dal pacchetto edilizio di Berlusconi che presto diverrà Decreto Legge.
I disegni di legge regionali consentiranno, utilizzando la leva dell’emergenza abitativa, il superamento delle norme urbanistiche di salvaguardia del territorio così come le abbiamo conosciute ed elimineranno qualsivoglia procedura partecipata, consegnando i territori nelle mani di una contrattazione diretta tra amministrazioni e rendita immobiliare, con l’unico obiettivo di far decollare nuovamente progetti edilizi, grandi opere e finanziamenti considerevoli. Qualora ciò non fosse sufficiente, è stato già presentato, sotto forma di proposta di legge n. 2441, un vero e proprio maxiemendamento di maggioranza, che estendendo il gonfiamento volumetrico a edifici destinati alla ricettività edilizia contribuirà a martoriare ulteriormente intere porzioni e brani territoriali. La solita ricetta: si ‘offre’ il territorio (ciò che resta) agli istituti bancari, che da responsabili della crisi torneranno a svolgere la funzione di salvatori della patria.
Nel frattempo, in piena crisi, a partire dalla rivendicazione dello spazio metropolitano come ‘bene comune, i movimenti hanno sviluppato molteplici punti di resistenza, confliggendo contro la rendita e per la difesa del reddito, declinando il diritto all’abitare come rottura delle attuali forme delle governance locali. La necessità di approfondire ciò che oggi in forma empirica pratichiamo nelle resistenze quotidiane del ‘reddito contro rendita’, occupando, difendendo il diritto alla morosità e all’insolvenza, picchettando sfratti e sanzionando banche, tutelando gli inquilini in lotta contro le cartolarizzazioni, organizzando la precarietà alloggiativa nel mondo della formazione, e il desiderio di mettere in relazione ciò che sui territori si esprime- compresa la straordinaria e ininterrotta proposizione di spazi liberati capaci di trasformarsi da luoghi utopici del desiderio in reale spazio del conflitto- ci spingono a proporre per domenica 19 luglio 2009 a Firenze in viale Matteotti 15 presso la Casa Occupata, a partire dalla ore 10.00, un incontro che ci consenta di leggere la mappa della crisi a partire dalla mappa delle resistenze. Un primo momento in grado di accogliere coloro che sottraendo territorio alla speculazione hanno disegnato o vogliono disegnare diversamente lo spazio metropolitano. Una sfida teorica e pratica al tempo della crisi, delle congetture sociali e urbanistiche insite nei concetti di new town o di
social housing, impropriamente declinati come ‘piano casa’. Una costruzione di convegno globale possibile.
Queste righe, volutamente poche, fungono solo come sollecitazione e confidano anche nella nuova consapevolezza che la dislocazione delle resistenze rappresenta la forza che deve mettersi in connessione e produrre miscele meticcie utili ad accendere il conflitto contro la rendita, per il diritto all’abitare e al reddito. Dentro una crisi globale che ha come
icona il mutuo subprime e i 150 anni di carcere chiesti per Madoff.

Movimento di lotta per la casa – Firenze
Blocchi Precari Metropolitani – Roma

La Casa Occupata si trova in zona piazza della Libertà. Autobus 1 / 17 /
10 direzione Cure

Posted: July 14th, 2009
at 8:48am by ironriot


Categories: Diritto al tetto

Comments: No comments