ANCHE I VESCOVI SFRATTANO…

Bologna: “Scopo primario della Fondazione è quello di appoggiare e sviluppare le iniziative culturali e sociali promosse dal Card. Lercaro avendo cura che in ogni iniziativa sia mantenuto costante lo spirito del Fondatore.”
Dalla presentazione della Fondazione Cardinale Giacomo Lercaro.

La fondazione Lercaro è proprietaria di numerosi appartamenti in via Murri e di altri stabili a Bologna. Questa prestigiosa fondazione cattolica è intitolata al Cardinale Giacomo Lercaro conosciuto come “l’avvocato dei poveri” ed ha come presidente il Vescovo Ausiliare, Mons. Ernesto Vecchi di Bologna.
La fondazione ha deciso di sfrattare da uno dei propri appartamenti un nucleo famigliare di lavoratori composto da due figlie che vanno alle elementari e da un figlio che ha poco più di un anno. La “colpa” di questa famiglia è stata di non riuscire a pagare l’affitto per quattro mesi, “colpa” di cui si macchiano sempre più inquilini a Bologna, schiacciati dalla cassa-integrazione, da contratti sempre più precari e dall’aumento del costo della vita.
Il giudice ha ordinato loro di uscire dalla casa in cui abitano. Nonostante il nome e le finalità benefiche dichiarate, la fondazione dedicata al Cardinale Lercaro non vuole sentire ragioni, rifiutandosi di ridefinire contratto e affitto. L’ASIA-RdB difende e organizza gli inquilini, ed è per questo che ritiene importante lo sfratto di via Murri, in quanto è un esempio di quello che è il mondo dell’ immobiliare oggi, che siano prelati, finanziarie, imprenditori o fondazioni… dove la rendita va a scapito degli inquilini.
Gli inquilini oggi hanno bisogno di nuove case popolari, e di un immediato blocco degli sfratti per intervenire sul problema abitativo.
Se anche la carità in tempo di crisi non ha più cittadinanza ciò di cui abbiamo bisogno sono i diritti sociali …

COMINCIAMO CON IL DIFENDERE IL DIRITTO ALLA CASA

Associazione Inquilini Assegnatari-RdB Bologna

(17 luglio 2009)

Posted: July 17th, 2009
at 9:11am by ironriot

Tagged with , ,


Categories: Diritto al tetto

Comments: No comments