Lettera di Carlo Lopez “il Chivo”. Vivendo la anarchia!

Tradotto da Cruz Negra Anarquista

Si dice che per comprendere una realtà e’ necessario viverla e qui nel (Reclusorio) Oriente posso osservare chiaramente che, in una preoccupante statistica, la cruda realtà che si vive e’ causata per un sistema di dominazione, disegnato per il controllo di tutto ciò’ che per il loro beneficio risulta controllabile.

Quando qualcosa o qualcuno risulta fuori dai parametri della struttura si converte in un errore e successivamente lo “riparano” coi loro metodi istituzionali cosi poco flessibili.

I carcerati e le carcerate (coscienti, politiche, anarchiche, ecc.) siamo parte delle falle del sistema.
Parlando con altri prigionieri di questo carcere, sono molto curioso, mi hanno raccontato di aver commesso qualche delitto, per esempio furto, che e’ uno dei più comuni, fosse per il denaro facile o per necessita’, pero’ scavando a fondo del loro passato, viene fuori che quasi tutti hanno sofferto un infanzia di fame, miseria, oppressione, sfruttamento, droga, ecc., aspetti che marcano l’individuo e lo condannano ad essere parte di questa falla.

E’ parte del gioco del sistema, essere la causa della “criminalità” e dopo criminalizzarla. Non pretendo giustificare il “delitto”, solo esprimere quello che sento su come tutto questo sorge dagli ingranaggi del sistema, come la divisione in classi, la ingiusta distribuzione della ricchezza generata dai lavoratori e goduta dagli sfruttatori, i programmi sociali per sviare i finanziamenti, riforme ben presentate ma che beneficiano solo chi sta sopra, la manipolazione mediatica, ecc.

E’ lo stesso sistema che ha portato il compa Mario López “il Tripa” a vivere nella clandestinità’. Amico e compagno Tripa, da queste righe fraternizzo e mi solidarizzo con te. Rompere con gli schemi, essere coerente e cercare di essere liberi e’ parte del vivere anarchico, e’ parte del del tuo vivere. E anche se il prezzo da pagare sarà’ la fuga, so che la affronterai con dignità’ e forza, portando con te il vecchio lemma “Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio”.

Vivendo l’anarchia!
Affrontando il sistema dominante!
Carlos López “Chivo”
Reclusorio Oriente