[MoviengToGaza] Gaza la ami o la odi


Gaza o la ami o la odi, non ci sono mezzi termini. La sua gente ospitale e gentile, sempre allegra e positiva, che guarda avanti e accoglie gli stranieri come amici di sempre. Gaza vuole sapere tutto di te e ti trascina fra i suoi mille vialetti e situazioni. Gaza non dorme mai, coi suoi blogger che scrivono e pubblicano fino a tardo mattino. Gaza della religione e delle tradizione, Gaza degli studenti arrabbiati che vogliono un futuro di verità e libertà. Gaza di chi ne ha paura e di chi ti protegge perchè sei straniero. Gaza che ti vede come un eroe perchè sei li e potresti non starci. Gaza dove tutto è più bello solo perchè si trova qui.

Qui non si perde un secondo per vivere, arriva sempre qualcuno, ci sono manifestazioni da organizzare e seguire, c’è da crearsi delle relazioni, perchè non ti puoi muovere se non sai come farlo.

Le relazioni umane esistono, funzionano e se non le sai gestire ti affogano. Se la vuoi vivere questa terra la devi assorbire tutta, altrimenti ci passi in mezzo e non la vedi.

A Jabalia Camp dove filmiamo una scena del video clip di Antar, un rapper fra i più apprezzati nella scena locale, i vicini di casa sono amici fra di loro,anche se condividono degli spazi minuscoli e hanno case su strade anche più strette di un metro, si rispettano, si occupano a vicenda dei bambini e creano una comunità.E se tu passi di li facilmente verrai invitato per un te e poi un caffè e poi una shisha.

A Gaza puoi chiedere alla polizia se li puoi filmare con fucili mitragliatori in mano mentre sorvegliano la stazione di benzina, ma per passegiare al porto fuori che il venerdì, devi avere una autorizzazione speciale.

Le regole del gioco sono impalpabili e variabili, le conseguenze se sbagli dolorose per te e chi si rpende cura di te.

PROCESSO ARRIGONI-NAKBA-E PAL STRIKE

Oggi 14 Maggio alle ore 10 il processo per Vittorio Arrigoni che doveva tenersi è Gaza è stato rimandato al 28 di Maggio per assenza del giudice.
Nel tardo pomeriggio l’autorità palestinese di Gaza ha dichiarato terminato lo sciopero della fame in solidarietà ai prigionieri nelle carceri israeliane, che si teneva sotto le tende di piazza Al-Joundi in seguito al raggiunto accordo fra i rappresentanti dei prigionieri e le autorità israeliane. Subito sono iniziati i festeggiamenti. La notizia è stata confermata da diverse fonti palestinesi e dalla BBC diverse ore fa. E’ di pochi minuti fa la notizia che i prigionieri Thaer Halahlel e Bilal Diab in sciopero da 70 giorni saranno scarcerati, il primo il 5 di giugno, il secondo il 17 agosto. Termina per loro lo sciopero della fame.
Domani è il giorno della commemorazione della Nakba e per direttiva interna non sono permesse manifestazioni o cortei di grande portata. Così come non sarà più possibile organizzare la manifestazione sulla buffer zone che da tempo si teneva ogni martedì.
Un collettivo di studenti ha indetto alle 10 all’università Al Aqsa una incontro per discutere e ricordare il valore storico di questa giornata e per continuare a dimostrare solidarietà ai prigionieri e le loro famiglie.

Posted: maggio 15th, 2012
at 4:09 by ironriot

Tagged with , ,


Categories: palestina

Comments: No comments