Riprendiamoci la terra.

Presentazione di Reclaim the Fields e a seguire Vittorio Sergi: Autonomia e conflitto nel mondo rurale

2 novembre

dalle 19,00 apericena bellavita

dalle 20,30 discussione

Mezcal squat (parco della Certosa Collegno bus 33/ metro fermata: Fermi – TORINO)

Organizzano: Mezcal – Nautilus

Dal programma di Reclaim the Fields: “ Siamo un’oiamo una rete – o meglio, una costellazione il cui scopo è incoraggiare le persone a rimanere o a ritornare all’agricoltura. Siamo determinati a creare delle alternative al capitalismo attraverso iniziative e modelli produttivi cooperativi, collettivi, autonomi che rispondono su piccola scala ai nostri bisogni. Vogliamo mettere le nostre idee in pratica e legare le azioni locali alle lotte globali. Per raggiungere i nostri obiettivi vogliamo agire attraverso gruppi locali, ma anche collaborare alle iniziative già esistenti.

Questa è la ragione per cui abbiamo scelto di non essere un gruppo omogeneo, ma di aprirci alla diversità di quanti lottano contro il modello di produzione e alimentare capitalistico. Vogliamo proporre i temi dell’accesso alla terra, dell’agricoltura collettiva e del diritto ai semi. Siamo determinati a riprenderci il controllo delle nostre vite e rifiutiamo ogni forma d’autoritarismo e di gerarchia. Ci proponiamo il rispetto della natura e dei viventi e non tolleriamo alcuna forma di discriminazione razziale, religiosa, di genere, nazionale, sessuale o sociale.”

Migliaia di contadini vengono privati della possibilità di accedere alle risorse alimentari del proprio territorio e sono costretti ad inserirsi nel sistema agroalimentare capitalistico che, inevitabilmente, porta ad un loro maggior sfruttamento e a quello del territorio in cui risiedono.

Vittorio Sergi, autore di “Il vento dal basso nel Messico della rivoluzione in corso” presenterà l’esperienza delle comunità rurali che in molti paesi sono in lotta per affermare e difendere la propria autonomia ed economia.

Posted: ottobre 31st, 2011
at 10:33 by ironriot

Tagged with , , ,


Categories: Ambiente

Comments: No comments